Ripensandoci

Ripensandoci

Mi ha dato i brividi la scena in cui Kaspar prende il neonato in braccio e le lacrime iniziano a rigargli il volto mentre dice "Madre, vengo sopraffatto da ogni cosa".

Apro l’armadio, il cuore mi cade nello stomaco mentre sento il profumo e non lo collego immediatamente alla maglietta ben ripiegata sul ripiano. Mi giro, nell’istinto sciocco che contro ogni razionalità mi allerta della tua eventuale presenza. E questa volta invece di ridere di me penso che vorrei incontrarmi fuori, all’aperto, mentre inseguo il mio naso e corro da un marciapiede ad una stazione e vorrei fermarmi e farmi una carezza sulla guancia e dirmi "Vedrai, andrà tutto bene, è andato tutto bene, vedi?"

2 Responses »

  1. Ciccinaaaaaaaaa!!!

    Ti penso un pochetto Và…..

    Ma quando mi chiami??

    ghhgghhghghghghghghhghghg

Rispondi a utente anonimo Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>