Manchi

Manchi

- Mi manchi
- Ma sono qui
- Lo so. Ma. Mi manchi. Lo stesso.

La frustrazione del perdersi un tramonto. Mancare l’appuntamento, con la scusa che domani sarà uguale, che ogni giorno ha il suo tramonto, e che c’è una vita di tramonti davanti, a venire. La piccola consolazione che di certo non sarebbe stato il tramonto più bello non colma il senso di perdita per qualcosa di unico, di irripetibile, che non tornerà. Nella sua monotonia. Come del creare ogni giorno un’opera d’arte, senza avere nessuno a goderne. Un tramonto sprecato, così: senza dedicatari. Un vuoto a perdere.

- Mi manchi per tutti questi anni lontani, e il non sapere dov’eravamo mentre ci preparavamo a trovarci, e sapere che raccontarci a vicenda non basta. Mi manchi per tutte le volte che so che avrò bisogno e tu non ci sarai, per tutte le volte che mi vorrai fortissimo e io non capirò. Mi manchi, mi manchi ancora. E mi manchi di già.

24 Responses »

  1. conosco questa sensazione e ti dico che l’hai descritta proprio bene bambina cattiva (non sono sempre lo scemo che scherza). un bacetto

  2. Il desiderio di poter rivivere qualcosa un’altra volta, ma insieme. Una stronzata, come una vittoria, una promozione o una cosa importante, come quella vacanza che fu magica.

    C’è la voglia di tornare indietro insieme al fantasma del natale passato e bisbigliare al proprio orecchio che non c’è da esser tristi, perché entro poco tempo sarai di nuovo felice e innamorata.

  3. Come un’Ofelia postmoderna. L’acqua mi accarezza l’attaccatura dei capelli: per l’occasione li ho raccolti come farebbe una ballerina. Lo chignon alto, tirato sulla nuca, ciocche sparse che si attaccano a seguire la linea del collo, degli zigomi, dei pensieri.

    Andiamo, siamo seri, come avrebbe potuto, Spad, scrivere queste righe, e parlare di cose così lontane da lui. Attaccatura dei capelli, ciocche, pensieri. Come un interista che parlasse di vittorie.

    No, no, Malapuella esiste. Ha gusti strani, certo, che non rispecchiano la sua vivace intelligenza. Ma esiste.

    ;)

  4. Mi ricordi la mia ragazza.

    Quando ci sono e’ triste perche’ devo andare via.

    Quando non ci sono e’ triste perche’ non ci sono.

    O forse perche’ devo tornare…

    (^o^)

  5. Malapuella esiste perchè io possa cancellarla.Non esistesse bisognerebbe inventarla per poterla cancellare. Vi ricorda qualcosa?

  6. Per Spad: non avrei mai pensato che il tuo onnipotente narcisismo potesse farti nascondere dietro ad un anonimo. Dicci che non cancellerai Malapuè e che amerai il tuo fumetto fin che morte non vi separi

  7. @Waiting… I’m sorry. E’ che a volte non ci penso che poi arrivano i lunedì.

    @Spad, fanno paura a te? Figuarati a me! Comunque un po’ hanno ragione. Perchè è vero, io senza di te non ho un senso. Non cancellarmi, sono il tuo disegno a colori, sono il tuo Ratman personale, da tenermi stretta anche quando non ne avrai più voglia.

  8. macché cancellarti.. non è vernice bianca questa.. è latte di mandorle, che ti piace tanto.. ok, in effetti odora di scolorina.. forse perché te l’ho comprato da Mac Donald..

Rispondi a vario Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>