Come volevasi dimostrare

Come volevasi dimostrare

Sono uscita di casa che profumavo di vaniglia, torno che profumo di muschio bianco.

- Domani parto, vado a Parigi
- E torni?
- Certo che torno! Torno lunedì. Ma probabilmente mi sarò dimenticata di te.
- …
- …
- Tu no, non puoi dimenticarti di me. Guarda: tutti i miei capelli rossi sparsi per casa, in cucina, sul divano, in bagno…
- Certo che sei proprio stronza!

7 Responses »

  1. Si lo dovevo immaginare che sarebbe stato di pomeriggio, e’ l’orario piu’ frequente per i tradimenti.

    Ma io contavo che lui come scusa avrebbe usato il calcetto…



    Se i tuoi capelli rossi sono in casa sua, credo che lui stia rischiando grosso…

    (^o^)

    p.s.

    Non vorrei fare l’impiccione (se ti do fastidio dimmelo che non lo faro’ piu’), ma sei consapevole che non la lascera’ mai vero?

    p.p.s.

    A Parigi mangiati una crepe alla nutella al mio posto

  2. Branzino, è una semplice questione di bagnoschiuma. Tutto il discorso dopo è una semplice parentesi tra la prima e la seconda doccia.

    Spad, non è alopecia, è una questione di comodità. Se lei vuole il mio scalpo io le vengo incontro, lasciandoglielo sul cuscino in comode rate

  3. PiccoloKin, ma ti pare? se scrivo è proprio perchè voglio che ci si impicci! Poi non so se davvero non la lascerà mai, ma di certo non la lascerà per me.

Rispondi a malapuella Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>