Come Bilitis

Come Bilitis

Mi sono svegliata da quel lungo sogno, e i miei capelli erano ancora intrecciati alle tue dita.
Mi sono svegliata con una canzone sulle labbra, e la canzone erano le tue labbra.
E nel sogno i miei capelli tra le tue dita erano come l’edera intrecciata ai rami del nocciolo, e le nostre radici insieme come un abbraccio che confonde i pensieri e i sospiri.
E nel sogno le tue labbra sulle mie erano uguali alle tue labbra vere, che sanno dire solo il vero, e i nostri respiri da bocca a bocca formavano una canzone suonata al flauto.
E con in mente questa canzone mi sono svegliata dal mio sogno, e la canzone era il tuo respiro, che era il mio pensiero, che sono le tua labbra, e qui sei tu, che sei il mio sogno.

6 Responses »

  1. pbnfrt, naaaaaa! le chansons de Bilitis di Pierre Louys messe in musica da Debussy. sono di riferimenti alti, io, altro che cinema e cinema!

    Ciccinuz! mi manca quella mucchina sai? brafffo efffo brafffo ^^

    V. ma sei la Vale vero?

  2. Ti manca la mucchian???

    Tsè….a ME ..manchi Tu …..sniff sniff….ghghghghgh

    Tanto prima o poi ci rivedremo, appena il criceto portatile verra riaddomesticato dalla rete …sopporto la lontananza ma a fatica …ecco ^^

Rispondi a Ciccinuz Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>