Caduta libera

Caduta libera

Le illusioni cadono, una dopo l’altra, ma non fanno rumore.
Cadono le gocce di condensa dal bicchiere.
Cadono i vestiti, con delicatezza, scivolando lungo i nostri corpi. E restano lì, sparsi per terra a formare il quadro più bello che abbiamo mai visto.

Cadono i capelli, quando ci sono troppi pensieri ad occupare il loro posto.
Le mele cadono dall’albero, quando sono mature però.
Delle foglie che cadono, dei muri, delle barriere e dei ponti non ne voglio parlare.

Io ti cado fra le braccia, forse perchè ho bevuto un po’ troppo.
Ti cado fra le braccia perchè ho i tacchi alti, forse.
Cado nelle tue braccia, perchè ancora non ho risolto i miei problemi con la forza di gravità.
Io cado, perchè sono inciampata. Nel desiderio di sentirmi sostenere dalle tue braccia.

Sono la tua stella cadente, per questa sera.
Non esprimi il desiderio?

19 Responses »

  1. L’ho espresso!

    Lo esprimo…sempre lo stesso…ormai da un anno…ad ogni stella che vedo cadere. Spero tu sia una vera stella….come sembri.

    Spero il mio sogno si realizzi!

  2. Direi che queste parole non possono far altro che cadere, appunto, come fiocchi di neve sul cuore della persona a cui sono dedicate.

    Immagine stupenda, complimenti.

    Ah! e thx per essere passata sul mio blog! Ti linko subito, i tuoi postati meritano!

    Nuvolacaduta

  3. Sei fortunata se i tuoi vestiti cadono con delicatezza. I miei di solito volano in giro per la stanza, e poi si deve andare a recuperarli come se si cercassero funghi.

    (^o^)

  4. L’immagine dei vestiti che formano un quadro è veramente geniale. Ho ben presente la scena.

    p.s. Ma quindi tu scegli gli abbinamenti secondo il colore dei pavimenti di casa tua (o del tuo boy)? Spero faccia lo stesso anche lui.

    Così sarebbe da Louvre.

  5. non vorrei peggiorare la mia precaria situazione grammaticale.. ma “pesassi” è il passato?.. a meno che non dimagrisca durante la caduta.. boh.. ora vado sul sito dell’Accademia della Crusca e controllo il congiuntivo.. o sul sito di Focus, a studiare la velocità di caduta dei corpi femminili tra le braccia di uomini.. di sicuro ne hanno fatto un articolo..

  6. Oh si…

    anch’io qialche volta sono caduta

    come un Angelo dal cielo…

    peccato che io

    son sempre caduta di faccia.

    Azz!

    Uelà, buonasera Mala.

Rispondi a sagami Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>